Esecuzioni civili – Circolare del Ministero sul contributo unificato

La circolare ministeriale del Dipartimento per gli Affari di Giustizia - Direzione Generale della Giustizia Civile - Ufficio 1°-  n° 38550 del 3/3/2015 ha chiarito che:

1)    Non deve essere percepito alcun tipo di contributo unificato per la fase c.d. incidentale, di competenza del giudice dell’esecuzione, relativa alla proposizione del giudizio di opposizione all’esecuzione ex art. 615, comma 2, c.p.c., nelle opposizioni agli atti esecutivi, ex art. 617, comma 2, c.p.c. e nelle opposizioni di terzo all’esecuzione ex art. 619 c.p.c.;

2)    Il momento in cui deve essere corrisposto il contributo unificato nelle procedure esecutive in base alla nuova formulazione dell’articolo 518, comma 6, c.p.c., così come modificato dall’articolo 18, comma 1, lett a), del D.L. n. 132 del 12 settembre 2014, convertito con modificazioni in legge n. 162 del 10 novembre 2014 è quello del deposito dell’istanza di assegnazione e vendita da parte del creditore procedente così come indicato dall’articolo 14, comma 1, del D.P.R. n. 115/2002.


Leggi la circolare ministeriale